Il portatile adatto per lo smart working

Specialmente in tempi come quelli che stiamo vivendo scanditi dalla pandemia covid 19, è necessario disporre di un portatile per smart working. Il progresso tecnologico prevede l’introduzione sul mercato di strumenti sempre più nuovi e veloci che garantiscono delle prestazioni elevate. La necessità di lavorare da casa è stato un input per lo sviluppo di modelli sempre più compatti e facili da portare con sé. Un portatile è perfetto per svolgere il lavoro in smart working: potrai lavorare ovunque desideri, ti basterà soltanto disporre di una connessione internet.

Un portatile adoperato per questo scopo deve poter garantire delle prestazioni elevate, o per lo meno molto simili al computer che si adoperava in ufficio. Ciò significa che, in fase d’acquisto è bene tenere conto anche questo aspetto. Per disporre di un buon pc portatile per smart working è quindi necessario puntare su un dispositivo che abbia un buon processore, magari una memoria interna SSD più veloce dei dischi allo stato solido ed uno schermo in full HD. La ram è anche un requisito essenziale: bisognerebbe valutare pc che siano dotati di almeno 4 gb di ram e magari espandibile per poter disporre di un computer sempre veloce e scattante.

Anche il peso è importante: per evitare di dover spostare un dispositivo troppo pesante, dovresti valutare l’acquisto di un pc leggero, dunque facile se devi spostarti da un posto all’altro. Un’altra caratteristica fondamentale nella scelta riguarda la batteria, parametro da cui dipende l’autonomia del computer portatile. La potenza è indicata con la sigla mAh: oggigiorno, la maggior parte dei portatili si aggira ai 4400 mAh, ma in commercio si trovano dispositivi che arrivano fino a 8800 mAh. Naturalmente, più aumentano le caratteristiche e maggiore sarà il prezzo, ma se vuoi risparmiare davvero ti consigliamo di dare un’occhiata al sito Acquisto Quotidiano dove avrai a disposizione diversi modelli di pc adatti per lo smart working.