Come viene lavorato il ferro dal fabbro

Un fabbro è colui che crea oggetti di ferro oppure acciaio, utilizzando a questo scopo attrezzi a mano per martellare, curvare, tagliare o comunque dare forma al metallo quando questo si trova in uno stato non liquido. Solitamente il metallo viene riscaldato fino a farlo diventare incandescente e successivamente sottoposto alla lavorazione di forgiatura. Questo tipo di lavorazione è stata una delle prime tecniche utilizzate per la lavorazione dei metalli.

Alcuni manufatti dei fabbri sono: cancelli di ferro battuto, griglie, ringhiere, mensole, sculture, attrezzi, oggetti decorativi, utensili da cucina, e armi. Un fabbro esperto, come Azienda Multiservice è in grado di realizzare, seppur col minimo sforzo, prodotti di aspetto piacevole che abbinano talento e originalità.

Nonostante la figura artigianale e lavorativa del fabbro sia in continua evoluzione (in base alle esigenze e richieste della società), il metodo di lavorazione del ferro non ha subìto grandi cambiamenti.

Vediamo qui le 4 tecniche di lavorazione del ferro che tutt’oggi vengono utilizzate.

  • Forgiatura: mediante forgiatura il metallo viene deformato e plasmato in modo da fargli assumere la forma e le funzionalità desiderate. Nella forgiatura non vi è asportazione di metallo, bensì deformazione mediante martellatura.
  • Saldatura: è una tecnica che tende ad unire metalli simili o dello stesso tipo in maniera tale che non vi sia alcuna giunzione o venatura: le parti da saldare diventano un unico pezzo.
  • Trattamento termico: attraverso questa fase vi è il riscaldamento del materiale ad una temperatura specifica (chiamata “temperatura critica” ovvero la temperatura alla quale il metallo perde la sua attrazione magnetica) e un repentino raffreddamento dello stesso (detto “spegnimento”) in vari liquidi come acqua o olio.
  • Finitura: è la fase finale, quando il fabbro rende perfetto l’oggetto realizzato limando gli spigoli vivi, lucidando la superficie e attuando particolari trattamenti volti a inibire l’ossidazione del metallo nel tempo e migliorare o modificare l’aspetto del pezzo.